logo agralia studio di agronomia

L'agricoltura sembra molto semplice quando il tuo aratro è una matita e sei a un migliaio di miglia dal campo di grano
D.E.

Agralia Studio Agronomico è

il luogo dell'agronomia,

il luogo dove teoria e pratica si incontrano,

il luogo dove agronomi e produttori si confrontano,

condivisione di conoscenze ed esperienze,

supporto a produzione, qualità e sviluppo aziendale

I PORTAINNESTI DELLA VITE

La decisione di fondamentale importanza nella realizzazione di un nuovo vigneto è la scelta del portainnesto (oltre al sesto d’impianto).

Se, infatti, tutte le parti fuori terra del vigneto sono sostituibili (pali, fili, tutori, varietà), pur con costi elevati, il portainnesto è l’elemento insostituibile.

Il ricorso ai portainnesti risale alla seconda metà del 1800, quando venne introdotta questa tecnica per far fronte alla grave crisi causata dalla fillossera. Si impiegò il “piede” o “soggetto” americano, dotato di apparato radicale resistente alla fillossera, innestandolo su “nesto” o “oggetto” europeo, dotato di resistenza alla fillossera sull’apparato fogliare. Per evitare le disaffinità di innesto vennero impiegate sostanzialmente 3 specie di vite americana: Vitis riparia, Vitis berlandieri e Vitis rupestris e gli ibridi da loro originati.

Superata la crisi dovuta alla fillossera le caratteristiche richieste ai portainnesti sono andate affinandosi e oggi sono un vero e proprio mezzo tecnologico a disposizione del viticoltore per il risultato produttivo desiderato. Tutt’oggi, in quota maggioritaria, si impiegano cloni di ibridi derivati dall’incrocio di queste viti americane.

Le principali caratteristiche da valutare nei portainnesti sono le seguenti:
  • Vigoria;
  • Affinità con la varietà;
  • Resistenza al calcare attivo;
  • Capacità di adattamento alle caratteristiche ambientali e del terreno (condizioni siccitose, umide, compattamento, terreno sabbioso, argilloso, acido, salino);
  • Capacità di esplorazione dell’apparato radicale;
  • Efficienza nell’assorbimento degli elementi nutritivi;
  • Resistenza a fillossera e a nematodi;
  • Sensibilità a malattie fungine e a fisiopatie;
  • Effetti sulla maturazione;
  • Idoneità al reimpianto.

Queste caratteristiche non sono solamente legate al portainnesto in sé, ma sono anche influenzate dalla varietà stessa, che può accentuarle o limitarle.

Nelle seguenti tabelle riportiamo le principali caratteristiche dei portainnesti impiegati nella viticoltura del Nord Italia: si tratta di un riassunto di un’ampia bibliografia disponibile che, però, non sempre è precisa e talvolta in contrasto.

Gruppo Berlandieri x Riparia

Gruppo Berlandieri x Rupestris

Gruppo Berlandieri x Rupestris

Gruppo Riparia x Rupestris

 Gruppo Riparia x Rupestris

Altri gruppi

tab 4 portainnesti altri gruppi

Nel seguente albero delle decisioni riportiamo un esempio delle principali caratteristiche del suolo da considerare in fase di impianto e la scelta conseguente per identificare il portainnesto più adatto alle condizioni pedoclimatiche.

calcare attivo > 25%
calcare attivo sup 25% portainnesti

calcare attivo da 15% a 25%

portainnesti calcare attivo 15%-25%

calcare attivo da 5% a 15%

portainnesti calcare attivo 5%-15%